Home page Formazione Lavoro Servizi Scuola Contatti

Corso Caffetteria e Latte Art: l'importanza del latte

Come scegliere il latte più indicato

Pubblicato il 07/11/2018

Durante il corso di caffetteria o durante quello di latte art, ti sarai accorto di come il latte sia uno dei protagonisti indiscussi di queste discipline. Vediamo insieme quante cose ci sono da sapere su questa bevanda.

Le diverse qualità del latte

Come ben sai, il latte è un prodotto ottenuto dalla mungitura regolare e completa della mammella di animali in buono stato di salute e alimentazione. Con la sola parola “latte” s’intende generalmente quello di vacca.

Non c'è un latte unico, ma esistono al giorno d’oggi diverse qualità di latte

  • latte crudo;
  • latte fresco (quello fresco di "alta qualità" è superiore dal punto di vista nutrizionale ma non vi è alcuna differenza dal punto di vista organolettico con quello fresco);
  • latte fresco microfiltrato;
  • latte pastorizzato;
  • latte UHT;
  • latte sterilizzato;
  • latte alta digeribilità.

 

Il latte di alta qualità

Quando parliamo di latte di alta qualità non dobbiamo pensare ad uno slogan commerciale sulla bontà del prodotto, ma con questa indicazione si intende una vera e propria categoria merceologica, indicata dalla legge n°169 del 3/5/1989.

I requisiti necessari affinché il latte fresco sia definito di Alta Qualità sono così rigorosi che poche aziende italiane sono oggi in grado di proporre questo tipo di latte. 

Come scegliere il latte più indicato

In commercio esistono diverse tipologie di latte e anche diverse “leggende”sulla realizzazione di un buon cappuccino.

Per creare e decorare cappuccini consigliamo latte Alta qualità, Fresco Intero o Fresco Parzialmente Scremato per ottenere il massimo rendimento in tazza. Nulla vieta di usare anche altri tipi di latte (Biologico, Alta Digeribilità, Più giorni, ecc.), perché il contenuto di grassi nel latte intero (3,5%-4%) dona alla crema una maggiore persistenza, ma resta comunque alle proteine del latte il compito di formare la crema. Infine è importante usare sempre latte ad una temperatura di 0 gradi e mai riscaldato. 

Come fare una perfetta montatura del latte

Esiste una regola fondamentale per eseguire una buona montatura del latte, te la sveliamo subito:
le lattiere devono essere riempite solo per la metà della loro capacità.

Ad esempio con la caraffa da 0.75 lt. cioè ¾ di litro verseremo metà della sua capienza ovvero 0,375 lt. di latte.

Un altro utile consiglio è di non riutilizzare il latte caldo che rimane nella lattiera: in questo caso infatti il latte perderebbe sia la qualità della montatura sia il gusto del cappuccino ed inoltre renderebbe la bevanda difficilmente digeribile.

Il latte indicato per ottenere una migliore montatura è quello parzialmente scremato poiché possiede un giusto equilibrio tra proteine e grassi. Il rapporto corretto da usare è quello di 2 gr. per 100 ml di prodotto. Ti consigliamo di utilizzare il latte di derivazione animale per ottenere una corretta montatura della crema piuttosto che le bevande di origine vegetale denominate latte.

Latte Art: decorare cappuccini a regola d'arte

La latte art è quella disciplina che insegna come decorare un cappuccino.

Si possono creare tantissime figure diverse solo con l’utilizzo della lattiera come la foglia, il cuore, il tulipano e la rosetta. Altre immagini invece necessitano dell’utilizzo del pennino da latte art come il coniglio, il leone e altre bellissime figure.

Grazie all'utilizzio di topping (solitamente al cioccolato) ed il pennino potrai creare dei veri capolavori in tazza come la ventola e la ninfea.

Scopri come utilizzare al meglio questo strumento nel nostro corso di latte art