Richiedi informazioni

BLOG

The Noble Spirits

Quattro giornate dedicate a Champagne, Whisky, Gin e Cognac cap.1

Pubblicato il 03/03/2021

Un viaggio nel mondo degli spiriti nobili

Flair Academy ha dedicato gli ultimi giorni di febbraio ad una masterclass divisa in quattro appuntamenti dedicati agli spiriti, distillati e ai prodotti così detti nobili della miscelazione. 

Bartender e Mixologist hanno potuto degustare in purezza e in pairing diverse referenze di champagne, whisky, gin, cognac, brandy e calvados.

Ogni giornata è stata guidata da un relatore diverso che ha portato la propria expertise presentando numerose referenze accompagnando i bartender in una degustazione sensoriale. 

In questo articolo vogliamo raccontarvi le prime due giornate dedicate rispettivamente a Champagne e Whisky.

Champagne

Il viaggio dei nostri bartender è cominciato con la bollicina per eccellenza: lo champagne.

Alessia Occhipinti Sommelier e Degustatore AIS nonché collaboratrice della guida “Grandi Champagne” ci ha accompagnato in questo percorso partendo dal terroir attraversando le maison fino ad arrivare ai recoltant manipulant.

Alessia ci ha accompagnato nell'analisi sensoriale di diverse referenze tra cui:

Le nobili proposte francesi hanno poi ceduto il passo alle eccellenze nostrane: prosecco e spumante; partendo sempre dagli uvaggi fino ad arrivare al tasting vero e proprio, che ha visto come protagonisti:

Whisky e Whiskey

A guidarci nell'affascinante mondo dei whisky Michelangelo di Toma uno dei più famosi master taster e business consultant di vini e distillati in circolazione. 

Famoso Master Taster per il Single Malts Club, ha importato "The Lost Distillery Company" con Beerfellas Company, collabora con Wilson & Morgan selezionando barrells di alto profilo.

Grazie alle sue sorprendenti abilità di sommelier e alle sue competenze di taster, Michelangelo è prima di tutto un grande maestro della degustazione e della storia dietro la produzione del distillato più celebre di sempre. 

Gli Scotch Whisky

Michelangelo come un moderno bardo ci ha incantato con la sua narrazione, facendoci vivere e respirare la Scozia, dalla torba al bicchiere, dalle lowlands alle highlands, dai single malt ai single grain fino ad arrivare ai blended. 

Gli scotch whisky hanno aperto le danze dandoci l'occasione di sognare un po' le verdi brughiere scozzesi degustando diverse etichette tra cui:

Per ogni referenza è stato analizzato il profilo organolettico in relazione al metodo di produzione, abbinando in pairing prodotti volti ad esaltare o a completare il prodotto stesso. 

Un breve scorcio della vicina Irlanda ci è stato regalato da Bushmill Black Bush, uno dei più rinomati Irish Whiskey. 

Whisky nel mondo 

Il nostro viaggio prosegue sorvolando l’Atlantico fino ad arrivare negli Stati Uniti, terra del Bourbon e del Tennesse whiskey. 

Anche per i whisky americani la verticale in degustazione non ha risparmiato etichette di eccellenza:

  • Jack Daniel's - Single Barrell - Rye Whiskey
  • Gentleman's Jack Double Mellowed - Tennesse Whiskey
  • Jack Daniel's - Straight - Rye Whiskey 
  • Woodford Reserve - Kentucky Straight Bourbon

Sorvolando il confine non potevamo non fare una fermata in Canada degustando Crown Royal, per poi riprendere il nostro viaggio oltrepassando il Pacifico e atterrando in Giappone per concludere l'appuntamento con una degustazione di Shinsei Blended Whisky.   

Scopri le due giornate dedicate a Gin e Cognac nel prossimo articolo!

Scrivici